AMBIENTE > I RISULTATI DI GOLETTA VERDE IN SICILIA. A MAZARA FORTEMENTE INQUINATE LE ACQUE DELLA FOCE DEL FIUME DELIA

(14 Luglio 2017) Ecco il resoconto della depurazione in Sicilia che Goletta Verde ha presentato ieri a Palermo. Il quadro è davvero triste perchè quest’isola che vuole da tempo vivere di turismo e pensa che basta avere il sole ed il mare per attirare la gente dimenticandosi di servizi e pulizia. Basti pensare che su migliaia di chilometri di costa ci sono solo 5 o 6 bandiere blu. Poi il problema dell’inquinamento è davvero ai limiti.

Il deficit depurativo non è sicuramente una novità in Sicilia e la fotografia scattata da Goletta Verde ne mostra in pieno le criticità: lungo le coste siciliane i tecnici di Legambiente hanno monitorato venticinque punti e ben diciassette di questi presentavano cariche batteriche elevate. Nel mirino ci sono sempre canali, foci di fiumi e torrenti che continuano a riversare in mare scarichi non adeguatamente depurati. Una situazione non più tollerabile che rischia di compromettere una delle maggiori risorse di questa regione.

È questo il bilancio del monitoraggio svolto lungo le coste siciliane dall’equipe tecnica di Goletta Verde, la storica campagna di Legambiente (realizzata anche grazie al sostegno del CONOU – Consorzio nazionale per la gestione, raccolta e trattamento degli oli minerali usati e dei partner tecnici Aquafil, Novamont, Nau) è stato presentato questa mattina in conferenza stampa a Palermo da Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia e Serena Carpentieri, responsabile Campagne di Legambiente, alla presenza di Marco Scurti, Sindacato Medici Italiani e rappresentante Assimefac e del Capitano di fregata Fabio Citrolo della Direziona marittima di Palermo.

“Anche quest’anno registriamo dati tutt’altro che positivi lungo le coste siciliane – spiega Serena Carpentieri, responsabile Campagne di Legambiente -. Anche se il nostro monitoraggio non vuole sostituirsi ai controlli ufficiali è nostro dovere evidenziare per l’ennesima volta le criticità ancora presenti nei sistemi depurativi di questa regione. Un problema, quello della cattiva depurazione che affligge purtroppo tantissime zone dell’Italia, visto che nel nostro Paese circa il 25% delle acque di fognatura viene scaricato in mare, nei laghi e nei fiumi senza essere opportunamente depurato, nonostante siano passati oltre dieci anni dal termine ultimo che l’Unione Europea ci aveva imposto per mettere a norma i sistemi fognari e depurativi. A pagare al solito sono i cittadini, perché questi ritardi nell’attuazione della direttiva comunitaria hanno portato già a multe salatissime”.

L’Italia, infatti, è soggetta a tre procedure di infrazione emanate dalla Commissione Europea nel 2004, nel 2009 e nel 2014; le prime due delle quali sono già sfociate in condanna. Per la procedura di infrazione 2004/2034 la sanzione prevista è di 62,7 milioni di euro una tantum a cui si aggiungono 347 mila euro per ogni giorno (61 milioni di euro a semestre) sino a che non saranno sanate le irregolarità.La Sicilia pesa moltissimo in queste procedure di infrazione. Solo considerando la procedura di infrazione del 2014, in questa regione sono coinvolti e sotto accusa ben 171 agglomerati (insieme di comuni con abitanti equivalenti maggiori di 2.000). I 171 agglomerati siciliani rappresentano il 19% di tutti gli agglomerati a livello nazionale coinvolti dalla procedura di infrazione (883 in totale). Gli agglomerati già condannati, invece, sono in totale 54 (un terzo degli agglomerati condannati sommando le due sentenze), tutti con un numero di abitanti equivalenti maggiore a 10.000 che scaricano acque non sufficientemente depurate in aree cosiddette “sensibili”.

“La sfida della depurazione doveva rappresentare una priorità per il rilancio ambientale ed economico di questa terra, ma tutti i governi regionali che si sono succeduti hanno evidentemente fallito, visto che non si è stato in grado neanche di spendere i soldi che erano disponibili – dichiara Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia -. Le segnalazioni che continuano ad arrivarci dai cittadini, molte delle quali non siamo riusciti a verificare direttamente ma abbiamo subito inoltrato alle autorità preposte, dimostrano che la situazione in tante aree dell’isola è diventata insostenibile, con scarichi che finiscono in mare e rischiano di compromettere ulteriormente la già difficile situazione in cui versa la nostra economia. Sulla sostenibilità ambientale, sulla qualità del mare e delle coste, si gioca una scommessa che la Sicilia deve assolutamente vincere se si vuole garantire un reale futuro ai nostri territori”.

Non si può certo dire che i bagnanti vengano poi informati a dovere. Anzi, tutt’altro. La cartellonistica in spiaggia è praticamente inesistente qui in Sicilia, anche se obbligatoria da tre anni per i comuni costieri: rispetto ai 25 punti campionati, i tecnici di Goletta Verde non hanno avvistato nessuno dei cartelli informativi previsti dalla normativa, che hanno la funzione di divulgare al pubblico la classe di qualità del mare (in base alla media dei prelievi degli ultimi 4 anni), i dati delle ultime analisi e le eventuali criticità della spiaggia stessa. Anche quelli di divieto di balneazione sono merce rara: solo in cinque punti rispetto ai venti dove non vengono eseguiti campionamenti da parte delle autorità competenti, o è stato disposto il divieto temporaneo alla balneazione, sono presenti cartelli per informare i bagnanti. Si tratta di un problema che non va minimamente sottovalutato, perché mette a rischio la stessa salute dei bagnanti. In molti punti giudicati critici dai tecnici di Goletta Verde, infatti, viene spesso registrata la presenza di bagnanti nel punto preso in esame o nelle immediate prossimità dello stesso.

L’assalto al nostro mare e alle nostre coste, insomma, non si ferma. Lo confermano anche i dati del nuovo dossier Mare Monstrum 2017 di Legambiente sul mare illegale basato sul lavoro delle Forze dell’ordine e delle Capitanerie di porto: la Sicilia con 2041 infrazioni accertate (il 13% a livello nazionale), 2269 persone denunciate e arrestate e 380 sequestri effettuati si piazza al secondo posto nella classifica italiana del mare illegale, dietro soltanto alla Campania. In pratica 5,5 reati accertati al giorno e 1,4 infrazioni per ogni chilometro di costa.

Tra le tipologie di reato spiccano quelli legati alla pesca di frodo che vede la Sicilia al primo posto in Italia con 975 infrazioni accertate, 980 persone denunciate. Su questo fronte sono stati 67.446 kg i prodotti ittici finiti sotto sequestro, tra prodotti catturati senza licenza, sottomisura o in periodi di fermo pesca, prodotti spacciati per freschi quando freschi non sono, o conservati in condizioni igieniche pessime.

A seguire i reati legati alle violazioni al codice della navigazione e anche in questo caso la Sicilia è in testa alla classifica nazionale (nel 2016 sono stati 443 i reati accertati dalle forze dell’ordine e dalle Capitanerie di porto, che hanno portato alla denuncia di 446 persone); quelli legati all’insufficiente depurazione e agli scarichi inquinanti (412 le infrazioni accertate, con 628 denunce e 173 sequestri effettuati). Infine i reati legati al ciclo del cemento lungo la costa: sono stati 211 i reati accertati, con 215 persone denunciate e 56 sequestri effettuati lo scorso anno.

Tema centrale di questa edizione di Goletta Verde sarà anche il rischio per inquinamento da marine litter. Legambiente ha recentemente raccontato l’esperienza e i dati raccolti in questi 30 anni da Goletta Verde alla conferenza mondiale degli Oceani all’Onu, rilanciando un pacchetto di proposte per contrastare questo problema che, al pari della maladepurazione e della pesca illegale, mette in serio pericolo l’ambiente, la biodiversità marina ma anche la salute dei cittadini. Soltanto in due punti rispetto ai 25 punti monitorati, i tecnici di Legambiente non hanno trovato rifiuti. C’è di tutto, ma a farla da padrona resta la plastica, presente nel 100% dei casi; segue il vetro, ma anche carta e rifiuti vari.

Il dettaglio delle analisi di Goletta Verde

Il monitoraggio di Goletta Verde (eseguito dalla squadra di tecnici di Legambiente tra il 4 e l’8 luglio 2017) prende in considerazione il campionamento dei punti critici che vengono principalmente scelti in base a un “maggior rischio” presunto di inquinamento, individuati dalle segnalazioni non solo dei circoli di Legambiente ma degli stessi cittadini attraverso il servizio SOS Goletta. Per questo vengono prese in esame le foci dei fiumi, torrenti, gli scarichi e i piccoli canali che spesso troviamo sulle nostre spiagge: queste situazioni sono i veicoli principali di contaminazione batterica dovuta all’insufficiente depurazione dei reflui urbani che attraverso i corsi d’acqua arrivano in mare. I parametri indagati sono microbiologici (enterococchi intestinali, Escherichia coli) e abbiamo considerato come “inquinati” i risultati che superano i valori limite previsti dalla normativa sulle acque di balneazione vigente in Italia (Dlgs 116/2008 e decreto attuativo del 30 marzo 2010) e “fortemente inquinati” quelli che superano di più del doppio tali valori.

Nove i punti monitorati in provincia di Palermo e nessuno di questi ha superato l’esame. Per sette il giudizio è di fortemente inquinato: alla foce del fiume Eleuterio tra Bagheria e Ficazzi; alla spiaggia presso lo sbocco del canale in Corso Italia a Bagheria; alla foce dello scarico in via Messina Marina a Palermo; alla foce del torrente Canzalamone; alla foce del fiume Pinto a Trappeto; alla foce del torrente Nocella tra Terrasini e Trappeto, alla foce dello scarico presso corso Mattarella e alla foce del fiume Chiachea (presso lo sbocco del depuratore) a Carini. Giudicati inquinati, invece, i campionamenti alla spiaggia di fronte l’ex oleificio a Termini Imerese e quello alla spiaggia la Praiola a Terrasini.

Tre i punti monitorati in provincia di Catania, due dei quali giudicati fortemente inquinati:allo sbocco dello scarico fognario all’inizio del Lungomare Galatea a Aci Trezza e alla foce del fiume Alcantara a Catalabiano. Nella norma il campionamento effettuato alla spiaggia libera a destra dell’Acquapark.

Tre prelievi anche in provincia di Messina dove si registra una situazione critica alla foce del torrente Patrì. Giudicati fortemente inquinati anche due punti in provincia di Agrigento (alla foce del torrente Canzalamone a Sciacca e presso la spiaggia di fronte lo scarico depuratore a Licata); uno in provincia di Caltanissetta (alla foce del fiume Gattano a Gela); la foce Canale Grimaldi a Porto Grande a Siracusa; e uno in provincia di Trapani (alla foce del fiume Delia a Mazara del Vallo). Sempre in provincia di Trapani, c’è da segnalare il campionamento eseguito spiaggia presso scaricodepuratore di Castelvetrano che dopo anni di giudizi negativi e di denunce di Goletta Verde per la prima risulta entro i limiti. Evidentemente le perdite della rete fognaria presenti in quel punto sono state riparate. Il punto in questione è comunque non balneabile per le autorità competenti per il potenziale rischio sanitario. Una situazione sulla quale bisogna continuare a vigilare ma che testimonia che l’efficientamento dei sistemi di depurazione e la loro manutenzione sono interventi fondamentali per prevenire l’inquinamento del mare.

Tra i fattori inquinanti, troppo spesso sottovalutati, c’è anche il corretto smaltimento degli olii esausti. Proprio per questo, anche quest’anno il Consorzio nazionale per la gestione, raccolta e trattamento degli oli minerali usati è main partner della campagna estiva di Legambiente. Attivo da 33 anni, il CONOU garantisce la raccolta e l’avvio a riciclo degli oli lubrificanti usati su tutto il territorio nazionale. L’olio usato – che si recupera alla fine del ciclo di vita dei lubrificanti nei macchinari industriali, ma anche nelle automobili, nelle barche e nei mezzi agricoli – è un rifiuto pericoloso per la salute e per l’ambiente che deve essere smaltito correttamente: 4 chili di olio usato, il cambio di un’auto, se versati in acqua inquinano una superficie grande come sei piscine olimpiche. Ma l’olio usato è anche un’importante risorsa perché può essere rigenerato tornando a nuova vita in un’ottica di economia circolare: il 95% dell’olio raccolto viene classificato come idoneo alla rigenerazione per la produzione di nuove basi lubrificanti, un dato che fa dell’Italia il Paese leader in Europa. In Sicilia, nel 2016, il Consorzio ha raccolto 8.530 tonnellate di oli usati. “La difesa dell’ambiente, in particolare del mare e dei laghi – spiega il presidente del CONOU, Paolo Tomasi – rappresenta uno dei capisaldi della nostra azione. L’operato del Consorzio non solo evita una potenziale dispersione nell’ambiente di un rifiuto pericoloso, ma lo trasforma in una preziosa risorsa per l’economia del Paese”.

Con Goletta Verde, infine, viaggia la campagna “Le pratiche estive per vivere il mare, la natura e l’ambiente in sicurezza e salute”, realizzata in collaborazione con il Sindacato Medici Italiani e Assimefac. Un vademecum e diverse iniziative condotte a bordo di Goletta Verde per informare sui comportamenti da tenere per rispettare il mare e tutelare la propria salute e su quelle che sono le minacce di inquinamento e sanitarie presenti lungo le nostre coste.

I RISULTATI DELLE ANALISI DI GOLETTA VERDE DEL MARE IN SICILIA*

*prelievi effettuati il 4 e l’8 luglio 2017

PV     COMUNE     LOCALITÀ     PUNTO     CRT. INFO.     GIUDIZIO

PA     Bagheria/Ficarazzi     La Foggia     Foce del fiume Eleuterio     NO     Fortemente Inquinato

PA     Bagheria     Aspra     Spiaggia presso sbocco canale in corso Italia     NO     Fortemente Inquinato

PA     Termini Imerese     Porto     Spiaggia fronte ex oleificio     NO     Inquinato

PA     Palermo     via messina marine 391/a     Foce scarico presso A. Diaz     NO     Fortemente Inquinato

PA     Trappeto     Contrada S.Cataldo     Foce del fiume Pinto     NO     Fortemente Inquinato

PA     Terrasini/ Trappeto     Contrada S.Cataldo     Foce del torrente Nocella     NO     Fortemente Inquinato

PA     Terrasini     La Praiola/L.re Peppino Impastato     Spiaggia la Praiola     NO     Inquinato

PA     Carini     Villa Grazia di Carini     Foce scarico presso corso Bernardo Mattarella     NO     Fortemente Inquinato

PA     Carini     Carini     Foce fiume Chiachea presso sbocco depuratore     NO     Fortemente Inquinato

CT     Catania     Lidi Playa     Spiaggia libera a destra dell’Acquapark     NO     Entro i Limiti

CT     Aci Castello     Aci Trezza     Sbocco scarico fognario inizio Lungomare Galatea     NO     Fortemente Inquinato

CT     Calatabiano     San Marco     Foce fiume Alcantara     NO     Fortemente Inquinato

ME     Giardini Naxos     Quartiere S. Giovanni     Spiaggia presso via IV novembre 271     NO     Entro i Limiti

ME     Barcellona Pozzo di Gotto     Caldera     Spiaggia presso P.zza delle Ancore     NO     Entro i Limiti

ME     Barcellona Pozzo di Gotto     Cantone     Foce del torrente Patrì     NO     Fortemente Inquinato

AG     Sciacca     Stazzone     Foce torrente Canzalamone     NO     Fortemente Inquinato

AG     Licata          Spiaggia fronte scarico depuratore     NO     Fortemente Inquinato

AG     Porto Empedocle     Spiaggia di Marinella     Spiaggia fronte torrente Re     NO     Entro i Limiti

AG     Realmonte     Lido Rossello     Spiaggia di Lido Rossello     NO     Entro i Limiti

TP     Castelvetrano     Frazione di Marinella di Selinunte     Spiaggia presso scarico depuratore     NO     Entro i Limiti

TP     Mazara del Vallo     Lungomare di levante foce Arena     Foce fiume Delia     NO     Fortemente Inquinato

TP     Marsala     C.da Berbero     Spiaggia libera presso via Vincenzo Florio (tra due lidi)     NO     Entro i Limiti

SR     Siracusa     Porto Grande     Foce Canale Grimaldi     NO     Fortemente Inquinato

RG     Scicli     Arizza     foce fiumara di Modica     NO     Entro i Limiti

CL     Gela     Macchitella     foce fiume Gattano     NO     Fortemente Inquinato

(Articolo tratto da fonte: Tele8)


PUBBLICITÀ






STAMPA E CONDIVIDI








mostra come:  galleria foto   |   elenco

I RISULTATI DI GOLETTA VERDE IN SICILIA. A MAZARA FORTEMENTE INQUINATE LE ACQUE DELLA FOCE DEL FIUME DELIA

I RISULTATI DI GOLETTA VERDE IN SICILIA. A MAZARA FORTEMENTE INQUINATE LE ACQUE DELLA FOCE DEL FIUME DELIA

(14 Luglio 2017) Ecco il resoconto della depurazione in Sicilia che Goletta Verde ha presentato ieri a Palermo. Il quadro è davvero triste perchè quest’isola che vuole da tempo vivere di turismo e pensa che basta avere il sole ed il mare per attirare la gente dimenticandosi di servizi e pulizia. Bas...

MAZARA, DENUNCIA SUL DEGRADO E LO STATO DI ABBANDONO DELL’INTERA AREA PORTUALE AD OPERA DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

MAZARA, DENUNCIA SUL DEGRADO E LO STATO DI ABBANDONO DELL’INTERA AREA PORTUALE AD OPERA DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

(23 Giugno 2017) Il Comitato cittadino per la difesa e la qualificazione del porto canale di Mazara del Vallo, costituitosi di recente per iniziativa di semplici cittadini e di alcune associazioni sociali, denuncia il degrado e lo stato di abbandono dell’intera area portuale ad opera dell’amministra...

MAZARA, LAGO PREOLA E GORGHI TONDI FESTEGGIA I 50 ANNI DEL WWF

MAZARA, LAGO PREOLA E GORGHI TONDI FESTEGGIA I 50 ANNI DEL WWF

(5 Ottobre 2016) Grande successo a Lago Preola e Gorghi Tondi per la Giornata delle Oasi, un appuntamento che il WWF ha voluto onorare con una vera e propria festa della biodiversità nelle sue 100 Oasi con centinaia di eventi. La Riserva Lago Preola e Gorghi Tondi, gestita dal WWF Italia, è stata te...

MAZARA, DOMENICA 2 OTTOBRE VISITE GUIDATE NELLE OASI WWF. EVENTI SPECIALI A LAGO PREOLA E GORGHI TONDI

MAZARA, DOMENICA 2 OTTOBRE VISITE GUIDATE NELLE OASI WWF. EVENTI SPECIALI A LAGO PREOLA E GORGHI TONDI

(28 Settembre 2016) Una domenica di passeggiate tra boschi, specchi d’acqua già ricchi di uccelli acquatici, lungo spiagge libere: per trascorrere una giornata d’autunno immersi nella natura domenica 2 ottobre si può approfittare dell’ultima giornata dell’iniziativa promossa dal WWF per i suoi 50 ...

MAZARA, INCENDIO DI SICURA MATRICE DOLOSA NELLA RISERVA NATURALE INTEGRALE DI LAGO PREOLA E GORGHI TONDI

MAZARA, INCENDIO DI SICURA MATRICE DOLOSA NELLA RISERVA NATURALE INTEGRALE DI LAGO PREOLA E GORGHI TONDI

(7 Settembre 2016) Ieri sera un incendio, di sicura matrice dolosa, ha minacciato l’integrità di importanti aree della Riserva Naturale Integrale di “Lago Preola e Gorghi Tondi”. L’allarme è scattato intorno alle 19,30 quando alcuni cittadini accertata la presenza di un incendio, provvedevano ad ...

MAZARA, AL VIA GLI INTERVENTI PER RIDURRE I CATTIVI ODORI DEL DEPURATORE COMUNALE

MAZARA, AL VIA GLI INTERVENTI PER RIDURRE I CATTIVI ODORI DEL DEPURATORE COMUNALE

(6 Settembre 2016) La nostra Città diventa sempre più normale. Per anni abbiamo dovuto fare i conti con un sistema depurante inesistente. Grazie all’impegno della nostra Amministrazione, finalmente dal 2014 Mazara del Vallo ha il suo depuratore e grazie ai prossimi interventi elimineremo anche gli i...

MAZARA, REFLUI ANOMALI AL DEPURATORE. CRISTALDI... SAREMO INFLESSIBILI CON CHI COMMETTE QUESTO REATO

MAZARA, REFLUI ANOMALI AL DEPURATORE. CRISTALDI... SAREMO INFLESSIBILI CON CHI COMMETTE QUESTO REATO

(31 Agosto 2016) “Saremo inflessibili su questa vicenda. Abbiamo la certezza che ad immettere reflui fuori norma nelle condotte fognarie che giungono all’impianto di depurazione siano delle cantine. Da troppi anni ormai assistiamo ad un comportamento criminale di chi è convinto di poter far tutto se...

MAZARA, SI È SVOLTA L`INIZIATIVA DI SENSIBILIZZAZIONE `RIFIUTI E AMBIENTE MARINO`

MAZARA, SI È SVOLTA L`INIZIATIVA DI SENSIBILIZZAZIONE `RIFIUTI E AMBIENTE MARINO`

(29 Agosto 2016) Rifiuti e ambiente marino 2016. Iniziativa di sensibilizzazione contro l’abbandono dei rifiuti sul litorale e raccolta mozziconi di sigarette con la partecipazione della Comunità Terapeutica O.N.L.U.S. “Casa dei giovani”. Amo il mio mare. E tu? Porta un retino e aiutaci a ripuli...

MAZARA, LUNGOMARE SAN VITO, DATI ARPA SU PRESENZA OLTRE IL LIMITI CONSENTITI DI OSTREOPSIS OVATA

MAZARA, LUNGOMARE SAN VITO, DATI ARPA SU PRESENZA OLTRE IL LIMITI CONSENTITI DI OSTREOPSIS OVATA

(22 Agosto 2016) Riceviamo e pubblichiamo la seguente interrogazione del Consigliere Comunale del Movimento 5 Stelle, Nicolò La Grutta Ill. Sindaco Città di Mazara del Vallo Ill. Presidente del Consiglio Città di Mazara del Vallo E p.c. Ill. Comandante della Capitaneria di Porto di Mazara I...

MAZARA, RIFIUTI E AMBIENTE MARINO 2016. AMO IL MIO MARE. E TU? PORTA UN RETINO E AIUTACI A RIPULIRE LA SPIAGGIA

MAZARA, RIFIUTI E AMBIENTE MARINO 2016. AMO IL MIO MARE. E TU? PORTA UN RETINO E AIUTACI A RIPULIRE LA SPIAGGIA

(17 Agosto 2016) L’associazione Tueri Naturam con la partecipazione dell’associazione Demetra e della Comunità Terapeutica ONLUS “Casa dei giovani”, ripropone anche per il 2016 “Rifiuti e ambiente marino”. Questa terza edizione dell’iniziativa di sensibilizzazione contro l’abbandono dei rifiuti in m...

MAZARA, INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE LA GRUTTA SULL`INQUINAMENTO DELL`ACQUA DELLA FOCE DEL FIUME DELIA

MAZARA, INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE LA GRUTTA SULL`INQUINAMENTO DELL`ACQUA DELLA FOCE DEL FIUME DELIA

(28 Luglio 2016) Riceviamo e pubblichiamo la seguente interrogazione del Consigliere Comunale del Movimento 5 Stelle, Nicolò La Grutta Ill. Sindaco Città di Mazara del Vallo Ill. Presidente del Consiglio Città di Mazara del Vallo INTERROGAZIONE risposta scritta urgente ...

MAZARA, DICHIARAZIONE DEL VICE SINDACO BONANNO SU FIUME DELIA. INDIVIDUEREMO I RESPONSABILI DELL`INQUINAMENTO

MAZARA, DICHIARAZIONE DEL VICE SINDACO BONANNO SU FIUME DELIA. INDIVIDUEREMO I RESPONSABILI DELL`INQUINAMENTO

(25 Luglio 2016) “Individueremo i responsabili che imperterriti continuano a minare l`ambiente e ad inquinare. Congiuntamente agli organi preposti verificheremo chi e cosa si scarica nel Fiume Delia. La nostra Amministrazione è molto attenta alla tutela ambientale e se in altri anni una notizia come...

I DATI DI GOLETTA VERDE RILEVANO INQUINAMENTO NELLE ACQUE DELLA FOCE DEL FIUME DELIA A MAZARA

I DATI DI GOLETTA VERDE RILEVANO INQUINAMENTO NELLE ACQUE DELLA FOCE DEL FIUME DELIA A MAZARA

(21 Luglio 2016) Depuratori che fanno flop, scarichi a mare, torrenti e foci inquinate che continuano a contaminare il mare siciliano. La mancata depurazione continua a essere una delle maggiori minacce del mare siciliano secondo Legambiente che con il laboratorio mobile di Goletta Verde ha analiz...

LEGAMBIENTE CONFERMA 3 VELE BLU PER IL MARE DI MAZARA DEL VALLO

LEGAMBIENTE CONFERMA 3 VELE BLU PER IL MARE DI MAZARA DEL VALLO

(18 Luglio 2016) “Anche quest’anno la nostra Città ottiene il riconoscimento delle tre vele blu da parte di Legambiente. Un ottimo risultato che se da un lato ci gratifica per il lavoro svolto, dall’altro ci spinge a fare ancora di più e meglio per ottenere ulteriori riconoscimenti”. Lo ha detto ...

MAZARA, LE ZONE UMIDE PER IL NOSTRO FUTURO, I MEZZI DI SUSSISTENZA SOSTENIBILI

MAZARA, LE ZONE UMIDE PER IL NOSTRO FUTURO, I MEZZI DI SUSSISTENZA SOSTENIBILI

(1 Febbraio 2016) Il 2 febbraio si celebra la Giornata Mondiale delle Zone Umide, ricorrenza della data di sottoscrizione della Convenzione di Ramsar siglata proprio il 2 febbraio 1971 che ha sancito la tutela, a livello mondiale, di queste aree particolarmente importanti per la conservazione della ...

 ANCHE A MAZARA SI CELEBRA LA GIORNATA MONDIALE ZONE UMIDE 2016

ANCHE A MAZARA SI CELEBRA LA GIORNATA MONDIALE ZONE UMIDE 2016

(27 Gennaio 2016) Il 2 febbraio si celebra la Giornata Mondiale delle Zone Umide, ricorrenza della data di sottoscrizione della Convenzione di Ramsar (2 febbraio 1971) che ha sancito la tutela, a livello mondiale, di queste aree particolarmente importanti per la conservazione della biodiversità sul ...

MAZARA, SABATO 9 GENNAIO LA MANIFESTAZIONE SALVIAMO LA LAGUNA DI TONNARELLA

MAZARA, SABATO 9 GENNAIO LA MANIFESTAZIONE SALVIAMO LA LAGUNA DI TONNARELLA

(7 Gennaio 2016) Nella giornata di sabato 9 gennaio alle 09,30 a Mazara del Vallo, nel lungomare Fata Morgana all`altezza della nuova sopraelevata si terrà una manifestazione per salvare la Laguna di Tonnarella. La laguna di Tonnarella è una zona umida importante per l`avifauna e la nidificazione...

MARE E SALUTE, ACCORDO TRA IL DIPARTIMENTO DELLA PESCA MEDITERRANEA E L`ISTITUTO PER L`AMBIENTE MARINO COSTIERO (IAMC) DEL CNR

MARE E SALUTE, ACCORDO TRA IL DIPARTIMENTO DELLA PESCA MEDITERRANEA E L`ISTITUTO PER L`AMBIENTE MARINO COSTIERO (IAMC) DEL CNR

(7 Novembre 2015) E’ stata stipulata una Convenzione Operativa tra il Dipartimento della Pesca Mediterranea della Regione Siciliana e l’Istituto per l’Ambiente Marino Costiero (IAMC) del CNR di Capo Granitola per l’avvio di un’attività di ricerca finalizzata alla valutazione dello “Stato di salubrit...

MAZARA, DOPO L`INCONTRO IN PREFETTURA, RIAPRE LA DISCARICA ED INIZIA LA RACCOLTA RIFIUTI IN CITTÀ

MAZARA, DOPO L`INCONTRO IN PREFETTURA, RIAPRE LA DISCARICA ED INIZIA LA RACCOLTA RIFIUTI IN CITTÀ

(28 Settembre 2015) Apprendiamo dal profilo facebook del consigliere comunale del movimento 5 stelle, Nicolò La Grutta, che in merito alla grave situazione che si è creata in città per le montagne di spazzatura nelle strade, la riunione svoltasi oggi alle 13, in prefettura a Trapani tra sua Eccelle...

MAZARA, ALL’INTERNO DELL’AREA “OASI DI CAPO FETO” SI È SVOLTA LA CAMPAGNA “PULIAMO IL MONDO 2015“

MAZARA, ALL’INTERNO DELL’AREA “OASI DI CAPO FETO” SI È SVOLTA LA CAMPAGNA “PULIAMO IL MONDO 2015“

(28 Settembre 2015) Durante la mattinata di domenica 27 settembre 2015 a Mazara del Vallo all’interno dell’area “Oasi di CAPO FETO” si è svolta la campagna mondiale Clean the Wordl - Puliamo il Mondo. Legambiente, con i Circoli Fata Morgana di Mazara e Legambiente di Petrosino Marsala – ringrazia:...

MAZARA, PULIAMO IL MONDO 2015, DOMENICA 27 SETTEMBRE ORE 9,30 A CAPOFETO

MAZARA, PULIAMO IL MONDO 2015, DOMENICA 27 SETTEMBRE ORE 9,30 A CAPOFETO

(25 Settembre 2015) Puliamo il Mondo 2015 : il 25, 26, 27 settembre in tutta Italia la grande iniziativa di volontariato ambientale organizzata da Legambiente in collaborazione con la Rai. Per liberare dai rifiuti abbandonati le nostre città “Vieni anche tu e porta un amico”: socialità e senso civic...

MAZARA, STUDENTI DELL`ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE HANNO PARTECIPATO A “PULIAMO IL MONDO 2015“

MAZARA, STUDENTI DELL`ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE HANNO PARTECIPATO A “PULIAMO IL MONDO 2015“

(25 Settembre 2015) Oggi 25 settembre, presso l`istituto tecnico commerciale F. Ferrara di Mazara il primo appuntamento di Puliamo il mondo 2015, diverse classi guidate dalle professoresse Mauro e De Simone hanno liberato alcuni spazi destinati al verde dell’area scolastica da rifiuti ed erbacce. So...

MAZARA, REFLUI ANOMALI AL DEPURATORE. PRESENTATA DENUNCIA IN PROCURA

MAZARA, REFLUI ANOMALI AL DEPURATORE. PRESENTATA DENUNCIA IN PROCURA

(27 Agosto 2015) “Non vogliamo si ripetano i fatti degli anni passati e non esiteremo ad utilizzare tutti i mezzi consentiti dalla legge per identificare i responsabili di tali atti delinquenziali di immissione di reflui anomali nelle condotte comunali”. Lo ha dichiarato il Sindaco della Città,...

MAZARA, GROSSA MORÌA DI PESCI NELLA LAGUNA DELLA COLMATA B DI TONNARELLA

MAZARA, GROSSA MORÌA DI PESCI NELLA LAGUNA DELLA COLMATA B DI TONNARELLA

(19 Agosto 2015) Grossa moria di pesci nella laguna della colmata B di Tonnarella. Si sarebbe verificata nei giorni scorsi ma la notizia è stata resa nota ieri da Vincenzo Sciabica, dell’associazione Capo Feto e responsabile locale dell’associazione nazionale Pro Natura e dall’ambientalista Andrea ...

DOPO LA CONFERMA DELLE 3 VELE BLU IL MARE DI MAZARA SUPERA ANCHE LE ANALISI DI GOLETTA VERDE

DOPO LA CONFERMA DELLE 3 VELE BLU IL MARE DI MAZARA SUPERA ANCHE LE ANALISI DI GOLETTA VERDE

(29 Luglio 2015) Diciotto campionamenti sui ventisei eseguiti lungo le coste della Sicilia presentavano una carica batterica elevata, superiore alle soglie stabilite dalla legge. Per 15 di questi punti, principalmente alle foci di fiumi, torrenti e scarichi, il giudizio è di “fortemente inquinato”. ...

MAZARA, DEPURATORE. IL COMUNE FA SAPERE CHE FUNZIONANO GLI INTERVENTI PER ELIMINARE I CATTIVI ODORI

MAZARA, DEPURATORE. IL COMUNE FA SAPERE CHE FUNZIONANO GLI INTERVENTI PER ELIMINARE I CATTIVI ODORI

(28 Luglio 2015) “Siamo molto soddisfatti dei progressi fatti nella gestione del depuratore comunale con le azioni che abbiamo messo in campo per l’eliminazione dei cattivi odori. Gli interventi in collaborazione con il professore Michele Torregrossa del Dipartimento di ingegneria dell’Università di...

GUIDA BLU 2015, LEGAMBIENTE E TOURING CLUB ASSEGNANO 3 VELE AL MARE DI MAZARA

GUIDA BLU 2015, LEGAMBIENTE E TOURING CLUB ASSEGNANO 3 VELE AL MARE DI MAZARA

(20 Luglio 2015) Oggi vi portiamo alla scoperta del mare più bello d’Italia dando uno sguardo all`elenco delle località che si sono aggiudicate il massimo riconoscimento rivolto alle spiagge eco-sostenibili, assegnato da Legambiente e Touring Club Italiano nella Guida Blu 2015. I criteri che de...

MAZARA, LE ACQUE DEL LUNGOMARE MAZZINI SONO PULITE. VIA ALL`ITER PER L`AUTORIZZAZIONE DEI BAGNI

MAZARA, LE ACQUE DEL LUNGOMARE MAZZINI SONO PULITE. VIA ALL`ITER PER L`AUTORIZZAZIONE DEI BAGNI

(11 Luglio 2015) “Ecco i risultati delle analisi effettuate dal Laboratorio di Sanità Pubblica dell’Asp di Trapani: le acque del tratto di lungomare compreso tra il piazzale Quinci e la scalinata di piazza Mokarta sono perfettamente balneabili. I valori emersi dai prelievi che l`Asp ha effettuato su...

MAZARA, DISINFESTAZIONE AL VIA NELLA NOTTE. INTERVENTI IN STRADE E CADITOIE. ECCO IL CALENDARIO DEGLI INTERVENTI CHE DURERANNO 3 GIORNI

MAZARA, DISINFESTAZIONE AL VIA NELLA NOTTE. INTERVENTI IN STRADE E CADITOIE. ECCO IL CALENDARIO DEGLI INTERVENTI CHE DURERANNO 3 GIORNI

(29 Giugno 2015) Saranno avviati nella notte tra lunedì 29 e martedì 30 giugno gli interventi di disinfestazione dell’intero territorio cittadino. Gli interventi, programmati dall’Amministrazione comunale, saranno attuati per tre giorni consecutivi, dalla mezzanotte alle 6 del mattino e saranno svol...

MAZARA, PROSEGUONO GLI INTERVENTI DI RIMOZIONE AMIANTO

MAZARA, PROSEGUONO GLI INTERVENTI DI RIMOZIONE AMIANTO

(29 Giugno 2015) “Continua l’azione di bonifica del territorio comunale, fortemente voluta dal Sindaco Cristaldi, con la rimozione di rifiuti pericolosi. Dopo aver provveduto a rimuovere l’amianto nell’area demaniale dell’ex Wind Surf, e dall’area dei Gorghi Tondi, la ditta incaricata di effettuare ...

articoli selezionati: 30/30   |    questo articolo: 1/1

max articoli per pagina:   10  |   20  |   30  |   40  |   50  |   60  |   70  |   80  |   90  |   100

  



















IN PRIMO PIANO  |  DALLA PROVINCIA  |  DA ITALIA  |  DA ESTERO  |  CRONACA E NOTIZIE  |  POLITICA  |  SPORT  |  SPETTACOLO  |  SALUTE E BENESSERE  |  EVENTI E APPUNTAMENTI  |  ARTE E CULTURA  |  AMBIENTE  |  METEO  |  TEMPO LIBERO  |  VIVINETWORK MOBILE  |  VIVINETWORK TV  |  CHI SIAMO  |  CONTATTACI





Vivi Network, il Portale News di Mazara, Marsala, Trapani e Castelvetrano, � un "aggregatore news" in ambito locale e nazionale e NON rappresenta pertanto testata
giornalistica. Inoltre, ai sensi della Legge 7/03/2001-62, NON rientra nella categoria di "informazione periodica" poich� viene aggiornato ad intervalli irregolari.
Responsabile editoriale: Mediterraneo A.C. C. Fisc. 91016680810 P.iva 02540110910 - Responsabile tecnico: LCM Your Global Partner - Tutti di diritti sono riservati

Disponibile agli indirizzi www.vivimazara.com - www.vivimazara.com - www.vivitrapani.com - www.vivimarsala.com - www.vivicastelvetrano.com
statistiche sito Sito creato e amministrato con LCM Websitemaker  |   Intranet   |   Statistiche  |   Posta
Tutti i diritti sono riservati   |  Informativa sulla Privacy

statistiche sito

Aggiungi ai preferiti   |   Imposta come homepage   |   Segnala o condividi su      

HTML page generated by LCM TurboSite on server date/time 14/07/2017 - 03:53:24

replica oakleys fake oakley sunglasses cheap fake ray bans cheap Christian Louboutin cheap oakleys cheap oakley sunglasses replica Christian Louboutin fake oakleys outlet cheap christian louboutin outle fake ray bans cheap michael kors cheap jerseys cheap fake oakleys cheap replica oakleys fake oakleys outlet fake ray bans outlet cheap replica oakleys cheap michael kors cheap oakleys outlet fake oakleys